ATTUALITA’ – Riuso degli imballaggi alimentari. La volta buona?

25 Agosto 2021

Si torna a parlare di riuso degli imballaggi alimentari con la restituzione del vuoto su cauzione, anche per plastica e alluminio, come già si fa per il vetro in alcuni circuiti.

E’ quanto si evince dai pochi riferimenti in tema di incentivi per la transizione ad un’economi circolare, contenuti nella legge di conversione del Decreto Semplificazioni, approvata a fine luglio (D.L. n. 77/2021, convertito in l. n. 108/2021 – “Governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure” – Gazzetta Ufficiale n. 181 del 30 luglio 2021, S.O. n. 26).

In Italia il riciclo fa già segnare numeri record. Sulla strada verso un’economia sempre più sostenibile si aggiunge dunque l’opzione “riuso”, anche per materiali diversi dal vetro. Gli operatori economici, infatti, potranno adottare sistemi di restituzione con cauzione nonché sistemi per il riutilizzo degli imballaggi. Sarà necessario uno specifico decreto per definire i tempi e le modalità di attuazione delle disposizioni. Dovrà essere emesso entro 120 giorni dall’entrata in vigore della legge.

“Con regolamento adottato mediante decreto del Ministro della transizione ecologica, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, ai sensi dell’articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, previa consultazione delle associazioni delle imprese maggiormente rappresentative sul piano nazionale, sono stabiliti i tempi e le modalità  di attuazione delle disposizioni del comma 1 del presente articolo. Con il medesimo regolamento sono, inoltre, previsti:
a) gli obiettivi annuali qualitativi e quantitativi da raggiungere;
b) i valori cauzionali per ogni singola tipologia di imballaggio fissati in modo da evitare ostacoli al commercio o distorsioni della concorrenza;
c) i termini di pagamento e le modalità di restituzione della cauzione da versare al consumatore che restituisce l’imballaggio;
d) le premialità e gli incentivi economici da riconoscere agli esercenti che adottano sistemi di restituzione con cauzione;
e) l’eventuale estensione delle disposizioni del presente articolo ad altre tipologie di imballaggio;
f) la percentuale minima di imballaggi riutilizzabili immessi sul mercato ogni anno per ciascun flusso di imballaggi;
g) la promozione di campagne di sensibilizzazione rivolte ai consumatori»

 

Qui il testo del provvedimento

  • Condividi articolo