SOSTENIBILITA’ – Rapporto Rilegno: il riciclo cresce dell’8%

22 Luglio 2022

È uscito il Rapporto Rilegno 2022 nel quale vengono evidenziati i numeri dell’economia circolare sistemica di Rilegno, il consorzio per la raccolta, il recupero e il riciclaggio degli imballaggi in legno. Nel 2021 sono state 1.985.251 le tonnellate di legno raccolte e avviate a riciclo, l’8% in più rispetto al 2020.

La gran parte del materiale riciclato è costituita da imballaggi, molti dei quali entrano nella filiera alimentare, come le cassette per l’ortofrutta o i pallet. La percentuale di imballaggi di legno riciclati è del 64,75%, più del doppio di quanto prefissato negli obiettivi comunitari di riciclo, che richiedono il 30% di riciclo al 2030.

Il 97% della materia legno riciclata viene trasformata in pannelli truciolari utilizzati nell’industria del mobile e dei complementi di arredo.

La rigenerazione: nuova vita per i pallet

Un’altra filiera virtuosa è quella della rigenerazione degli imballaggi finalizzata al loro riutilizzo, che coinvolge principalmente i pallet: quelli che non possono più essere utilizzati, ma che sono ancora recuperabili vengono sottoposti alla riparazione.

Nel 2021 sono stati reimmessi sul mercato quasi 70 milioni di pallet rigenerati, per un totale superiore alle 900.000 tonnellate.

Sulle 3.394.066 tonnellate di imballaggi in legno immessi al consumo nel 2021, il 75% era rappresentato da pallet nuovi o riparati.

Gli obiettivi futuri

Rilegno conta 1.944 consorziati, 394 piattaforme di raccolta e 15 impianti di riciclo. Tutto questo permette ogni anno un risparmio di quasi 2 milioni di tonnellate di CO2 pari a un milione di veicoli circolanti.

“Il sistema di raccolta e riciclo italiano – scrive il Presidente di Rilegno Nicola Semeraro, nella lettera che apre il Rapporto – si rivela nei fatti una consolidata eccellenza a livello europeo e mondiale. Rilegno oltre ai risultati raggiunti guarda con occhi innovativi al futuro, pensando a nuovi piani logistici, alla tracciabilità degli imballaggi, a percorsi di coinvolgimento delle fasce più giovani sui temi della sostenibilità del legno”

  • Condividi articolo